Onda marina

BREVE RIASSUNTO DEGLI EVENTI SUL WESTMED

Data: 17-12-2021

Torna indietro
BREVE RIASSUNTO DEGLI EVENTI SUL WESTMED

Intestazione comunicato stampa

BREVE RIASSUNTO DEGLI EVENTI SUL WESTMED

In allegato il testo della lettera aperta delle associazioni di Italia, Francia e Spagna ai ministri della pesca dei propri stati, in considerazione della eccessiva riduzione delle giornate di attivita’ di pesca imposte dalla commissione europea, oltre che la nota riferita al suddetto fermo.

Nei giorni immediatamente successivi la Commissione agricoltura ha approvato la risoluzione, di cui all’articolo seguente, che ha reso l’Italia protagonista durante il corso della riunione di Agrifish terminata nella nottata tra il 13 e il 14 dicembre (vedi articolo ancora successivo.)

Ora siamo in attesa, fiduciosi ma con un pizzico di sana preoccupazione, della definitiva decisione che deciderà le sorti di una importante quota della marineria italiana per il prossimo anno.

 

STAY TUNED

Associazioni datoriali e sindacali della pesca esprimono soddisfazione per la risoluzione approvata in Comagri Camera

forti preoccupazioni per il Consiglio dei Ministri UE del 12-13 dicembre

Il mondo datoriale (Alleanza delle cooperative Italiane Pesca, Coldiretti, Federpesca e Uecoop) e le Organizzazioni sindacali (FAI Cisl, Flai CGIL e UILA Pesca) esprimono grande soddisfazione per la risoluzione, votata ieri all’unanimità in Commissione agricoltura della Camera dei Deputati, che impegna il Governo a tutelare gli interessi della pesca nazionale nelle sedi più opportune “Apprezziamo lo sforzo congiunto di tutti i parlamentari della Commissione, che sono approdati ad un’unica risoluzione mettendo in evidenza lo stato di grande sofferenza del settore e fornendo una lucida fotografia dei problemi che attanagliano il comparto ittico” commentano “A ridosso del Consiglio dei Ministri UE, che affronterà il delicato tema delle possibilità di pesca in Mediterraneo il prossimo 12 dicembre, era quanto mai necessario un sostegno da parte del Parlamento. Quello delle possibilità di pesca è un tema tutto in capo ai Ministri UE che dovranno farsi carico di coniugare i temi della sostenibilità ambientale con quelli della tenuta sociale ed economica della filiera ittica. “ continuano le Associazioni ed i Sindacati “ Solo nel 2020 la pesca italiana ha ridotto le catture del 10%, negli ultimi tre anni lo sforzo è stato ridotto del 20%, sono state introdotte misure gestionali più stringenti e sono stati interdette all’attività di pesca vaste aree di spazio marino. Chiedere ulteriori sforzi ai pescatori non sarebbe corretto, non valorizzerebbe gli sforzi fino ad ora attuati e non garantirebbe dignità al lavoro, tanto meno in assenza di un sistema di ammortizzatori sociali che supplisca alle giornate di inattività. Non dimentichiamoci che siamo ancora in una situazione di emergenza sanitaria dove tutti i processi produttivi e commerciali risultano più complicati” continuano  “Sarebbe quanto meno auspicabile un “congelamento” per il 2022 delle possibilità di pesca, anche per dare tempo alla ricerca di valutare gli effetti delle riduzioni fino ad ora attuate. Più volte abbiamo chiesto di rafforzare le alleanze in sede comunitaria con gli altri Stati membri mediterranei per costruire un percorso di valorizzazione della pesca del Bacino e non di mortificazione. Domenica al Consiglio dei Ministri ci auguriamo di poter raccogliere i frutti dell’impegno del nostro Governo” concludono le Associazioni ed i Sindacati.

 

COMUNICATO PESCA: AGRIFISH

Terminata nella notte tra il 13e il 14 dicembre la lunga riunione dell’AGRIFISH per definire le quote di pesca e il contestuale determinazione dello sforzo di pesca per l’anno 2022 per il Mar Mediterraneo.  

Dalle prime informazioni ricevute emerge un quadro, in particolare per l’area West-Med, migliore di quello che si era paventato, grazie al lavoro di squadra dei Paesi mediterranei nel quale è emerso un ruolo preminente del nostro ministero.  

Le diminuzioni delle giornate di pesca saranno inferiori a quanto previsto e comunicato con i documenti pervenuti da Bruxelles nelle settimane precedenti la riunione dell’AGRIFISH.   

Per un giudizio più ampio si attendono i dettagli dell’accordo.  

Comunque le marinerie possono a nostro giudizio tirare un primo piccolo sospiro di sollievo.

 

ORA LE ALTRE NOTIZIE:

FLAG GOLFO DEGLI ETRUSCHI

Bando acquacoltura

Per opportuna conoscenza delle imprese di acquacoltura operanti sul territorio del Flag Golfo degli Etruschi, si informa che la Regione Toscana ha concesso il nulla osta per la pubblicazione del bando a valere sulla Mis. 2.48 "investimenti in acquacoltura"

In allegato il testo definitivo del bando che sarà pubblicato sul BURT: le domande potranno essere presentate sul sistema ARTEA dal 23.12.2021.

 

 

Pubblicazione bando regionale di cui al Decreto Dirigenziale n. 21536/21 – Pesca acque interne

 

Approvazione del bando per l’utilizzazione del Fondo di cui al DM 11 agosto 2021, per lo sviluppo e il sostegno delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura, a favore delle imprese di pesca professionale nelle acque interne. (vedi allegati)

 

 

CNC-2021 DL 146-2021 per 13 settimane CIG in deroga e assegno ordinario FIS Priorità:

 

La presente per informare della pubblicazione da parte dell’INPS della circolare 183 del 10 dicembre 2021 avente ad oggetto le modalità operative di riconoscimento delle 13 settimane di trattamenti di Assegno ordinario (ASO) e Cassa integrazione guadagni in deroga (CIGD) previsti dall’articolo 11 del decreto-legge 21 ottobre 2021, n. 146 (decreto Fiscale).

Si segnala che:

 

- per richiedere le 13 settimane di trattamenti di CIGD o ASO, i datori di lavoro devono essere stati interamente autorizzati alle precedenti 28 settimane di trattamenti di cui al Decreto Sostegni (art. 8, comma 2, decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41) che si rammenta assumeva a riferimento i lavoratori in forza alla data del 23 marzo 2021;

 

- Ai datori di lavoro che utilizzeranno le 13 settimane resta precluso - per la durata della fruizione del trattamento richiesto - l'avvio delle procedure di licenziamento collettivo e la facoltà di recedere dal contratto per giustificato motivo oggettivo;

 

- possono beneficiare dell’accesso all’ammortizzatore i lavoratori che risultino alle dipendenze dei datori di lavoro richiedenti la prestazione al 22 ottobre 2021 (data di entrata in vigore del decreto–legge n. 146/2021).

 

- per i lavoratori del settore agricolo, l’accesso ai trattamenti in deroga rimane circoscritto ai soli dipendenti con rapporto di lavoro a tempo determinato, ovvero quei lavoratori che non hanno titolo ad accedere alla CISOA. Per gli operai agricoli (OTD) il trattamento è equiparato a lavoro ai fini del calcolo delle prestazioni di disoccupazione agricola;

 

- Per la presentazione delle istanze di accesso all’ammortizzatore viene definita la nuova causale denominata “COVID 19 - DL 146/21”;

 

- Riguardo ai termini di trasmissione delle istanze pur confermata la disciplina a regime (entro la fine del mese successivo a quello in cui ha avuto inizio il periodo di sospensione o di riduzione dell’attività lavorativa) considerato che la disciplina di cui al decreto–legge n. 146/2021 riguarda periodi dal 1° ottobre 2021 al 31 dicembre 2021 al fine di introdurre un termine di maggior favore utile a garantire un più ampio accesso alle tutele, le domande per sospensione/riduzione di attività decorrenti da “ottobre 2021” potranno essere utilmente trasmesse entro e non oltre il 31 dicembre 2021

Piedipagina comunicato stampa

Scarica il comunicato stampa

Piedipagina

FLAG GOLFO DEGLI ETRUSCHI
Largo Felice Cavallotti, 1, 58022 Follonica (GR)
Privacy e Cookie | Preferenze Cookie | Area Riservata

CONTATTI
Tel. +39 0566-59208
E-mail info@flaggolfodeglietruschi.it

Seguici su Facebook Seguici su YouTube Seguici su Instagram

RICERCA NEL SITO